Nella propria ormai pressoché trentennale storia, l’associazione Telefono Azzurro si è sempre distinta per la coerenza con cui ha sempre promosso iniziative a tutela dell’infanzia. Operando con costanza in favore di chi, altrimenti, non avrebbe voce. Fermo restando l’impegno profuso contro ogni forma di violenza a danno dell’infanzia, nel tempo si sono evoluti, parallelamente al mutare della società, anche gli ambiti d’intervento dell’associazione. Banner_bullismo-x-sito

Con il diffondersi di internet e dei social network si è fatto sempre più pressante il problema del cyberbullismo che, purtroppo, ha anche mietuto alcune vittime, le quali non hanno retto la “gogna” cui sono state sottoposte, spesso da coetanei, con eccessiva leggerezza. Triste fenomeno che va di pari passo con il bullismo perpetrato fisicamente a danno dei più deboli, che vede statisticamente vittima un adolescente su cinque.

Telefono Azzurro si confronta quotidianamente questo dramma, 24 ore su 24, attraverso la linea d’ascolto 1.96.96, offrendo agli adolescenti vittime di questo tipo di violenze un supporto ed un intervento immediato. Sempre nell’ottica di contrastare bullismo e violenza, l’associazione ha lanciato anche la Campagna “Non stiamo zitti”, finalizzata a rompere il silenzio e la paura che spesso accompagnano questi fenomeni.

Vi rientra anche l’iniziativa di autofinanziamento “Fiori d’azzurro”, che domani e domenica (16 e 17 aprile) vedrà i volontari del Telefono Azzurro impegnati nelle principali piazze italiane. Un modo tangibile per fare proprio lo slogan scelto per l’iniziativa, ovvero Coltiva il seme del rispetto.
Per conoscere l’ubicazione di tutte le piazze coinvolte nell’iniziativa clicca qui.

 

La storia di Telefono Azzurro

Ernesto CaffoL’associazione è nata nel giugno del 1987 a Bologna, per iniziativa del professor Ernesto Caffo, all’epoca Associato di Neuropsichiatria Infantile all’Università degli Studi di Modena ed attualmente professore Ordinario presso lo stesso Ateneo. Un primo punto di svolta per la giovane associazione è datato 18 dicembre 1990 quando, con decreto del Presidente della Repubblica Francesco Cossiga, Telefono Azzurro diviene Ente Morale. Nello stesso anno viene attivata la prima linea gratuita per bambini fino a 14 anni, la 1.96.96, oggi aperta anche agli adulti ed attiva 24 ore su 24. In seguito l’attività dell’associazione e degli operatori si intensifica e specializza, adottando via via anche strumenti informatici e tecnologici al passo coi tempi. Ad oggi, il Centro Nazionale di Ascolto dell’associazione consta di ben 30 linee telefoniche, presso cui si avvicendano 40 operatori specializzati ed un gran numero di volontari.

Negli anni l’attività svolta si è ampiamente diversificata, andando oltre l’ascolto: ne è derivata una presenza operativa a livello territoriale con le strutture dei Tetti Azzurri a Roma e a Treviso; l’attività del Team di Emergenza; la Ricerca; la Formazione; le collaborazioni internazionali; l’attenzione alle nuove tematiche, come Internet ed i media (l’associazione figura tra i promotori della Carta di Treviso, documento sottoscritto nel 1990 dall’Ordine Nazionale dei Giornalisti e dalla Federazione Nazionale della Stampa Italiana, che ha gettato le basi per una fattiva tutela della privacy dei minori coinvolti, quasi sempre loro malgrado, nell’informazione).

Telefono AzzurroDa segnalare, infine, che fin dai primi anni di attività Telefono Azzurro ha potuto contare sul sostegno di alcuni personaggi dello spettacolo, che ben hanno colto la natura dell’associazione.
Ci riferiamo in particolare a Gerry Scotti (che nel 1987 portò in vetta alle classifiche la canzone “Smile”, finalizzata a raccogliere fondi per la costruzione dell’associazione) e a Fabio Concato che l’anno successivo, cantando la struggente 051/222525 (numero telefonico di Telefono Azzurro dell’epoca) la fece conoscere a un’ampia fetta di pubblico ed appassionati di musica.

E noi, invitandovi a recarvi nella più vicina piazza per sostenere Telefono Azzurro, vi lasciamo proprio invitandovi a riascoltare la bellissima canzone di Concato.

Ti è piaciuto questo post? Allora condividilo con i tuoi amici!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *